Configurazione GPRS per DialUp da computer

Torna alla pagina delle informazioni tecniche
Torna alla Home Page di Jack

I numeri necessari per configurare i modem GPRS:

GestoreStringaDNS primarioUsernamePasswordNumero da chiamare
TIM+CGDCONT=1,"IP","ibox.tim.itlasciare vuoto o: 213.230.155.094num. tel.da IBOX*99***1#
Omnitel Vodafone+CGDCONT=1,"IP","internet"

+CGDCONT=1,"IP","web.omnitel.it"

10.127.1.41<vuoto><vuoto>*99***1#
Wind+CGDCONT=1,"IP","internet.wind"212.245.255.2 <vuoto> <vuoto> *99***1#

Preliminari essenziali:

Attivazione:

La SIM usata deve essere attivata per il GPRS. Occorre chiamare il proprio gestore per effettuare l’attivazione:

TIM: 119 oppure 800-988119, o 800-846900 per i corporate opzione 5

Omnitel Vodafone: 190 oppure 42005 oppure 800-100195

Wind:158 oppure 155 oppure 1928

Inoltre, per TIM, occorre procurarsi la password. Per farlo ci sono due metodi:

1) registrarsi presso il servizio IBOX sul sito www.tim.it

2) inviare un SMS al 49000 nel formato “IBOX <password_desiderata>”, indicando una password lunga

tra 6 e 8 numeri (0-9). Lasciare uno spazio tra IBOX e la password.

PIN:

Occorre che la SIM nel modem non richieda il numero PIN per attivarsi. Lo si disattiva con i comandi da menu, inserendolo in un qualsiasi telefonino, o digitando il numero:

o col comando AT: AT+CPIN ...

Se la SIM richiede il numero PIN non potrà attivarsi con la rete GPRS.

Per verificarlo con certezza, con un programma di terminale (per esempio Hyperterminal), si può digitare il comando: AT+CPIN?

Se si riceve risposta +CPIN: READY significa che non è in attesa di PIN.

Se si riceve risposta ERROR significa che è in attesa di PIN. Per disattivarlo si può fare il comando: AT+CPIN….. ……

Volendo, lo si può lasciare attivato e fornirlo alla SIM nella stringa dela Connessione Remota, usando il comando AT+CPIN…… Da ricordare che in tale comando il numero di PIN apparirà in chiaro, con le ovvie conseguenze relative alla sicurezza.

Registrazione e livello di segnale:

Una verifica utile può essere interrogare il modem col comando AT+COPS

Inviando AT+COPS? si riceverà, per esempio:

+COPS: 0,2,22210 indicante Omnitel

+COPS: 1,2,22201 indicante Tim

+COPS: 1,2,22288 indicante Wind

In condizioni di scarsa ricezione, ricordiamo che il radiomodem può effettuare una registrazione con un altro gestore esclusivamente per chiamate di emergenza. Pertanto, in tali casi, il gestore rilevato dal comando AT+COPS sarà diverso dalla SIM utilizzata e non saranno possibili chiamate GPRS fino a quando il radiomodem sarà riuscito a registrarsi stabilmente col gestore desiderato (o altro gestore in caso di roaming).

A proposito di registrazione e capacità di stabilire una connessione, le prestazioni del sistema GPRS appaiono, da prove pratiche, particolarmente legate alla qualità e al livello del segnale. Comprensibilmente, in condizioni di segnale debole, sarà elevata l’incidenza di pacchetti di dati affetti da disturbi e che pertanto dovranno essere ritrasmessi, con conseguenze dirette sul throughput finale. E molto importante trovare la migliore posizione possibile per l’apparato/antenna. Un modo empirico ma efficace consiste nell’esplorazione dei dintorni (stanza, ufficio…) utilizzando un normale telefonino per ricercare le posizioni in cui l’indicatore di livello di segnale mostra i migliori risultati. Il segnale del GSM, su cui viaggia il GPRS è di frequenza piuttosto elevata (900 o 1800 MHz). Risente, pertanto, degli ostacoli naturali (muri, corpi umani, vegetazione) molto più di altri sistemi di trasmissione, quali radio FM (100 MHz) o AM (1500 KHz) capaci in misura molto maggiore di attraversare ostacoli solidi.

Quando le comunicazioni voce GSM sono difficili, la comunicazione GPRS sarà praticamente inutilizzabile.

E’ possibile interrogare il modem per conoscere le condizioni del livello di segnale, la qualità del segnale:

AT+CSQ

restituirà per esempio,

+CSQ: 21, 0 (Ufficio)

Più è elevato il numero restituito, migliori sono le condizioni di trasmissione e ricezione.

La Stringa di configurazione:

E’ legata al gestore. E’ costituita dall’istruzione +CGDCONT. E’ un comando AT, un’estensione dei comandi AT tipici dei modem. In effetti, immettendo la stringa +CGDCONT ecc. viene aggiunto il prefisso AT e quindi trasmesso al modem per intero: AT+CGDCONT ecc.

Il comando è usato per definire i contesti PDP (Packet Data Protocol), ovvero i protocolli della trasmissione dati a pacchetti.

Normalmente si useranno solo i primi tre parametri, lasciando in bianco gli ultimi. Come in tutti i comandi AT, alcuni dei parametri sono opzionali, ma se omessi (e non al termine della stringa) dovranno comunque essere messe le corrispondenti virgole di separazione dei campi, ad esclusione dei campi finali della stringa.

Il primo parametro è il CID (Context IDentifier), che indica un profilo di configurazione all’interno del modem. E’ possibile fare riferimento a questo parametro all’interno del “numero di telefono” *99***1#. In tale numero, la presenza della cifra 1, indica proprio di utilizzare il CID/profilo 1. Mettendo, per esempio, 2 nella stringa, e utilizzando 2 anche nel numero di telefono, sarà possibile far convivere nello stesso computer più profili, per diversi gestori. E’ un utilizzo relativamente poco comune ma utile e possibile. Per farne uso sarà opportuno programmare i vari profili CID nel modem col comando CGDCONT “a mano” tramite emulatore di terminale e ometterli nella Connessione remota. Nella Connessione Remota non ci sarà, quindi, alcuna stringa, e i numeri da chiamare saranno *99***1# per il gestore corrispondente al primo profile, *99***2# per il secondo e così via. Questo sarà utile per chi ha più di una SIM/abbonamento, magari uno personale ed uno aziendale, da usare in diversi momenti.

Il secondo parametro definisce il protocollo dati a pacchetto PDP (IP, PPP, ecc. ma oggi tutti usano IP).

Il terzo parametro è l’APN (Access Point Name), il nome dell’access point a cui collegarsi. Differisce per ogni gestore.

Il quarto parametro è l’indirizzo IP da utilizzare, ma attualmente tutti i gestori italiani usano indirizzi IP dinamici. Quindi se si desidera mettere il parametro, ocorrerà indicare “0.0.0.0” (apici compresi).

Il quinto parametro attiva/disattiva la compressione dati. Se si comprende il parametro va indicato 0. La stessa informazione viene fornita al sistema tramite i settaggi della Connessione Remota.

Il sesto parametro attiva/disattiva la compressione dell’intestazione. Se si comprende il parametro va indicato 0. La stessa informazione viene fornita al sistema tramite i settaggi della Connessione Remota.

Una stringa completa, con i parametri opzionali, sarebbe:

+CGDCONT=1,"IP","internet", “0.0.0.0”,0,0

Per vedere come è configurato il dispsitivo GPRS, basterà dare il comando:

AT+CGDCONT?

E si riceverà in risposta il dettaglio, per esempio:

+CGDCONT: 1, "IP", "ibox.tim.it", , 0, 0

+CGDCONT: 2, "IP", "internet", , 0, 0

Tale indicazione dettaglia la presenza di due profili programmati.

Sotto Windows 98 ed ME si inserisce la stringa nelle Proprietà del Modem, Connessione, Avanzate, Altre impostazioni.

Nel caso di Windows XP si inserisce la stringa nelle Proprietà del Modem,

Note varie:

E’ possibile interrogare il modem per conoscere le condizioni del livello di segnale, la qualità del segnale:

AT+CSQ

restituirà per esempio,

+CSQ: 21, 0

Nota sulla questione maiucsolo/minuscolo: Tutti i comandi AT possono essere scritti indifferentemente in maiuscolo o minuscolo. L'unico vincolo è che la A e la T siano o entrambi in maiuscolo o entrambi in minuscolo.


(C) 2003-2018 Jack aka JackMauro aka Mauro